Trova cosa fare e cosa vedere su UmbriaIN

Pulisci

Il castello di Cibottola

  • castelli_2.jpg

Il Post

  • Scritto da: Alessia  Marchetti
  • Il: 30/07/2019 11:21:21

Si tratta di un piccolo castello, costruito prima del X secolo, adagiato sulla cima di una collinetta a 471 mt di altitudine.

A proposito dell'origine del suo particolare nome vi sono diverse ipotesi: secondo alcuni discenderebbe da “Cibonia“, antica località etrusca, sulle cui rovine sorse poi il castello; secondo altri deriverebbe dal perugino “Cibizio” Lucumone; secondo altri, invece, il castello sarebbe stato in origine un convento dedicato a San Bartolomeo, il cui nome venne però cambiato in onore di Maurizio Cybo, fratello di papa Innocenzo VIII e governatore di Perugia.

Dell’antico insediamento fortificato conserva la porta d’ingresso con il battente del ponte levatoio ed una torre eptagonale (a sette lati) alta circa 20 metri, al cui interno vi è posta una grande campana di cinque quintali, donata da Pietro Tocchi, rettore dell’Università di Perugia nell'anno 1850.

Conserva, inoltre, gran parte delle mura, nonché un cunicolo sotterraneo, lungo 500 metri, che anticamente collegava l’abitazione del castellano fino al pendio del colle.

Sfortunatamente oggi versa in stato di abbandono e di degrado. Tuttavia si tratta di un luogo di notevole fascino, che offre un'ampia e suggestiva visuale sul circondario, spaziando dal Monte Subasio a Perugia, fino al Trasimeno ed al  territorio del ternano. 


Curiosità
Secondo una leggenda, avvalorata anche dallo storico perugino Annibale Mariotti, l'origine storica del nucleo abitativo di Cibottola sarebbe riconducibile "all’anno 1330 della fondazione del mondo", antica datazione di origine bizantina, che farebbe risalire l’inizio del mondo all’anno 5508 avanti Cristo.
Questo tipo di datazione rimase in vigore in Italia fino al XVII secolo.

 

Foto di Castelli, Rocche e Fortificazioni in Italia




Letto: 1931 volte

Piegaro
  Scopri gli Eventi   Inserisci il tuo evento   Scopri il territorio   Torna al Blog   Vai alla pagina del comune di Piegaro
 

Dove trovarci