Trova cosa fare e cosa vedere su UmbriaIN

Pulisci

L'Eremo di Monte Cucco

  • mauo_barbacci.jpg

Il Post

  • Scritto da: Alessia  Marchetti
  • Il: 19/03/2019 11:52:52

Foto di Mauro Barbacci


L'eremo, che sorge nella parte orientale del massiccio del Monte Cucco, ad un'altezza di 600 m. s.l.m., è arroccato su di un massiccio di roccia calcarea ed è circondato da rigogliosi boschi di faggio e castagno.
Fu luogo di dimora e preghiera per molti eremiti.
Il primo abitante, storicamente accertato, dell’Eremo di Monte Cucco fu il Beato Tomasso di Costacciaro, che vi dimorò per oltre 60 anni. Il Beato fu anche il primo della Congregazione degli Eremiti Camaldolesi a risiedervi.
Se inizialmente l'eremo fu un importante luogo di preghiera e centro culturale, successivamente, nel corso dei secoli, iniziò l'abbandono ed il decadimento della struttura, non solo a causa delle scorribande di ladri, ma anche a causa delle avverse condizioni climatiche.
In tempi più recenti, in particolare durante la Seconda Guerra Mondiale, l'eremo fu scelto dal popolo di Pascelupo e Perticano, oltre che di Fabriano, come rifugio contro le incursioni aeree nemiche.
Il decadimento continuò imperterrito fino al 1981, quando iniziarono importanti lavori di restauro.
L’eremo fu quindi adattato e migliorato per la vita eremitica: furono ricavati piccoli orti fatti a terrazze a gradoni, fu costruita una piccola chiesa interna all’Eremo e fu realizzata anche una bellissima biblioteca, oltre che locali da adibire a sartoria e refettorio. 


La Vita degli Eremiti

Come la parola "eremita" lascia immaginare, costoro vivevano in maniera solitaria: non erano permessi contatti tra di loro, se non un piccolo scambio di parole due volte alla settimana.
Inoltre, a seconda delle proprie abilità manuali, si dedicavano alle varie attività che servivano per garantire la sussistenza dell'eremo e degli eremiti: zappavano, potavano, muravano, facevano il pane, cucivano gli abiti, scrivevano e componevano. 




 

 



Letto: 1753 volte

Scheggia e Pascelupo
  Scopri gli Eventi   Inserisci il tuo evento   Scopri il territorio   Torna al Blog   Vai alla pagina del comune di Scheggia e Pascelupo
 

Dove trovarci