Login


L'utente accedendo accetta implicitamente Privacy e Cookie Policy del sito
Prendi visione della Privacy Policy e della Cookie Policy del sito UmbriaIN
 

Trova cosa fare e cosa vedere su UmbriaIN

Pulisci

Cenni storici.


Foligno fu fondata circa 3000 anni fa dagli Umbri Fulginates che discendevano la pinisola in cerca di insediamenti adatti alle loro esigenze, dove cioè ci fosse abbondanza di acque e di boschi la cui cvombinazione era sacra. Il culto della Dea Fulginea dette probabilmente il nome alla città, Nella grande regione dell'Italia centrale, che da loro prese il nome, gli Umbri furono successivamente respinti dagli Etruschi ad est del Tevere, finché con i Romani avvenne una totale e non sempre pacifica integrazione. Già in età repubblicana "Fulginium" fu un nodo vitale per Roma essendo posta strategicamente lungo la via Flaminia, e divenne prima Prefettura e poi Municipium con piena cittadinanza, iscritta alla gens Cornelia. Con la caduta dell'Impero fu conquistata da Odoacre, subì le varie invasioni barbarichefino ad essere incorporata nel forte ducato longobardo di Spoleto. Di fede imperiale, poco diopo il 1000 si costituì libero Comune, scelta che le causò continui contrasti con le città guelfe limitrofe, in primo luogo Perugia con la quale ebbe scontri armati piuttosto violenti, con alterne vicende. Vi trascorse i primi tre anni della sua vita l'imperatore Federico II, stupor mundi, che restò sempre legato alla città e in seguito vi soggiornò più volte. Dopo la sua morte, la seconda metà del 1200 fu un periodo veramente difficile per Foligno per la forte rimomnta dello Stato Pontificio, che intendeva a tutti i costi sottomettere le città ribelli.L'assoggettazione alla Chiesa avvenne nel 1305 quando con Nallo iniziò la Signoria dei Trinci, che durerà ininterrottamente fino al 1439. Con la Signoria iniziò un importante periodo di crescita che portò Foligno a primeggiare sulle città limitrofe ed estendere il proprio dominio sia verso est che verso sud, fino al lago di Piediluco. Nominati Vicari Apostolici, i Trinci governarono Foligno portandola a pieno titolo nel Rinascimento: la città si arricchì di un patrimonio architettonico che purtroppo in gran parte è andato perso, sia a cayusa di violenti terremoti subiti nei secoli, che per ilmassiccio bombradamento nella seconda guierra mondiale, che rase al suolo l'80% delle costruzioni.
Nel 1503 con Cesare Borgia Foligno passò definitivamente nello Stato della Chiesa, e nei tempi siccessivi le sue vicende seguirono quelle di Perugia e dell'Umbria.
Nel 1472 vi fu stampata la prima edizione della Divina Commedia, (v.), Nel 1810 vi fu appaltato l'impianto di lampioni per l'illuminazione pubblica, nel '48 il Comune aiutò con una grossa fornitura di armi ed equipaggiamento la Prima Guerra d'Indipendenza alla quale parteciparono oltre 100 cittadini, stesso anno in cui vi soggiornò Garibaldi. Nel 1866 fu costruita la ferrovia Orte Ancona: quello stesso anno fu costruita la stazione ed il 6 gennaio partì (ed arrivò) il primo treno da Foligno arrivò a Roma. Nel 1911 ebbe il suo aeroporto, e nel '35 aprì l'Officina Aeronautica Umbra, fra le più prestigiose d'Italia.
Nella foto: veduta del 1565 di Cipriano Piccolpasso

Gli altri luoghi

Lo sapevate che...…fu stampata a Foligno la prima edizione della Divina Commedia...

Nel 1472 si costituì a Foligno una società con lo scopo di immettersi nell'avventura commerciale che stava impazzando in quegli anni: la produzione di opere a stampa. I principali artefici  
 

Storia: La madonna del pianto, un culto antico...

Di certo a Foligno il culto della Madonna del Pianto si ricollega al fatto che a Roma, nell'anno 1646, in una diatriba... 
 

Storia: La chiesa di San Domenico ed il convento annesso ebbe nel corso

La chiesa medievale di San Domenico ed il convento annesso ebbe nel corso dei secoli alterne vicende,  
 

Lo sapevate che... Cuccugnai

Gli abitanti di Foligno vengono anche definiti, da secoli, cuccugnai. Un termine alquanto strano.. 
 
  Vai al blog   Scopri gli Eventi   Inserisci il tuo evento Guarda gli articoli sui territori